Su di me

Su di me

Questo sito nasce nel 2005 come la classica “pagina personale”. Era un semplice sito statico, scritto in HTML, che aveva l’obiettivo di raccontare qualcosa di me, condividere con gli amici foto, esperienze e viaggi. Poi qualche anno dopo è arrivato Facebook, e a differenza di altri proto-social come MySpace e in Italia Splinder, ha preso piede, rendendo superati i classici “siti personali”, grazie alla sua immediatezza d’uso.

Il mio vecchio sito HTML

Ecco che dal 2009 anche io come molti ho iniziato a usare Facebook per condividere foto ed esperienze con amici e questo sito è rimasto ‘dormiente’ fino al 2020, quando vinta la pigrizia ho deciso di migrarlo su WordPress e cambiarne la destinazione d’uso.

Oggi mi piacerebbe pensarlo come uno spazio dove poter salvare e condividere alcune storie, persone, luoghi, pensieri, come recita il sottotitolo, che su Facebook e altri social si perdono via, nello scorrere delle timeline.

Condividi...

4 pensieri riguardo “Su di me

  1. Ho letto il suo scritto su Palermo today
    Naturalmente siamo tutti fascisti tranne lei
    Osservatore neutrale dalla saggezza infinita
    Ma va….

  2. Per L’articolo che ha scritto su Arezzo notizie del 27/09/22 dia retta a me: “ fattene una ragione “ e fatti vedere da uno bravo mA parecchio bravo.
    La sinistra ha perso solamente perché è sinistra. Qualunque sia il segretario la parola d’ordine è e sarà sempre tasse, patrimoniale, distruzione economica dei piccoli imprenditori, appoggio alle multinazionali, alla grande industria, statalismo….

  3. Leggo adesso il Tuo articolo “Siamo un po’ fascisti dentro, inutile girarci intorno” e forse avrei preferito, considerato che sei un giornalista, una Tua opinione seppur soggettiva che poteva anche essere fatta senza apostrofare la maggiornaza degli italiani cher hanno espresso il voto. Non conosco la Tua ideologia politca ma probabilmente, se e’ come affermi tu che (…) “gli italiani sono profondamente bigotti, ignoranti e avversi al cambiamento, è giusto che questa sia la loro fine, che loro stessi si sono decretati”, probabilmente c’e stata una totale incapacità della controparte a spiegare la loro posizione

  4. Ho letto il suo articolo odierno su Roma Today e stentavo a credere a quello che stavo leggendo. Non solo lei disprezza e insulta a tutto campo quegli italiani che hanno votato a destra, ma non esita a descrivere fascista e di estrema destra il partito della Meloni, allineandolo inoltre a Orban, senza aver nessun elemento valido a sostanziare le sue affermazioni, grondanti di pregiudizio e saccenteria. Lei è la quintessenza del tipico antidemocratico e arrogante sinistroide che ha perso le elezioni anche a causa della vostra superbia e complesso di superiorità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *